mercoledì 5 settembre 2012

Impasto base della pizza


La pizza....cosa dire... è la nostra rappresentante in tutto il mondo insieme alla pasta, ma a volte può essere anche una tortura specialmente se si vive in un posto in cui di pizza...c'è solo il nome. Personalmente mi sono ritrovata in alcuni posti in cui davvero non sapevo come potevano vendere quelle "cose" che ti implorano di essere comprate perché sono li già da qualche giorno oppure quei pezzi di pizza "biscottati" o  per meglio dire biscotti travestiti da pizza...bene se vivete in questi posti...ma anche no, sapete cosa dovete fare??? Fate la pizza a casa! E' semplicissima e poi potrete sbizzarrirvi in tanti gusti che magari non potete ordinare in pizzeria perchè non ne vendono per mancata richiesta.
Questo impasto l'ho trovato su un vecchio giornale "Anna in cucina" del 1997 e da quando ho provato questo impasto è iniziata la mia vita da pizzaiola :), approposito la cosa più importante di cui tener conto per un impasto impeccabile è la farina, per avere delle pizze sempre ottime usate la farina 0, meglio ancora se trovate la MANITOBA (la farina americana) con quest'ultima il risultato è garantito!

Igredienti
500 gr farina 0 Manitoba
2 cucchiaini di sale
25 gr lievito di birra (io uso la bustina di lievito disidratato pane degli angeli mastro fornaio è più versatile, non ha scadenza breve e si conserva a temperatura ambiente)
Acqua qb
1 cucchiaino di zucchero

Il procedimento è il seguente: mettere in una terrina o su una spianatoia la farina, aggiungere il sale e mescolare il tutto,

poi aggiungere il lievito in polvere e lo zucchero oppure se usate il lievito di birra fresco scioglietelo in un pò di acqua tiepida
Se iniziate ad amalgamare sempre con acqua tiepida un pò di farina e continuate in questo modo fino a che la farina e l'acqua non formino un impasto compatto e liscio, a questo punto formate una pallina e lasciatela riposare almeno un'ora. Se è inverno mettetela nel forno coperta, perchè l'impasto vuole stare al caldo, se è estate si può tenere anche sul tavolo o un mobile ma sempre coperta, in questo caso visto che l'aria è già calda crescerà più velocemente.
Una volta lievitato l'impasto si presenta così


In questa immagine si vedono le bolle d'aria create dal lievito 
 mentre in quest'altra immagine i panetti messi a lievitare separatamente
a questo punto potete stendere l'impasto nella teglia e farcirlo come volete, questo se volete una sfoglia più sottile oppure lasciarlo lievitare ancora una mezz'oretta nella teglia se volete fare una focaccia. 


Nessun commento:

Posta un commento

Mi fa sempre piacere leggere i tuoi commenti